Potare Ceanothus e Caprifoglio, 6 consigli utili

Contenuti

In questa guida vi spiegheremo come potare il Ceanothus e il caprifoglio.

Potare Ceanothus e Caprifoglio: Ceanothus

Le specie e gli ibridi arbustivi sempreverdi del Ceanothus si prestano benissimo a essere allevati a spalliera, forma in cui le loro abbondanti soffici infiorescenze azzurre spiccano in tutto il loro fulgore.

La maggior parte dei Ceanothus fiorisce in maggio sulla vegetazione dell’estate precedente, ma alcuni, come l’«Autumnal Blue» e il «Burkwoodii», fioriscono sia sulla vegetazione dell’anno in corso che su quella dell’anno precedente e richiedono una potatura leggermente diversa.

Primo anno

Il Ceanothus dovrebbe essere piantato in primavera, come pianta coltivata in vaso.

La formazione consiste nel legare il fusto principale verticalmente man mano che cresce e nel distendere a ventaglio i rami laterali per riempire lo spazio disponibile il più uniformemente possibile.

Lo sviluppo è rapido ed è importante fissare i giovani getti regolarmente, in primavera e in estate, per essere sicuri che crescano nella direzione giusta, altrimenti tendono ad allontanarsi dalla struttura di sostegno e poi, una volta maturi, diventerà difficile tenerli in ordine.

Recidere in giugno i rami patenti che non si adattano alla struttura.

Secondo anno e seguenti

Continuare a guidare e fissare i getti d’allungamento fino a riempire tutto lo spazio predisposto.

Subito dopo la fioritura potare la vegetazione della stagione precedente, che avrà fiorito normalmente in maggio, a cm 7-10 dalla struttura.

La densa vegetazione cresciuta durante l’estate fiorirà la primavera successiva.

È importante potare regolarmente ogni stagione un Ceanothus sempreverde a spalliera, in modo da mantenere un intreccio compatto di rami contro la struttura di sostegno.

Non potandolo, man mano che cresce s’allontana velocemente dal muro o dalla recinzione ed è quindi più esposto ai venti forti e alla neve.

II Ceanothus risente di una potatura drastica fino al legno vecchio ed è difficile ottenere dei begli esemplari dall’aspetto curato e ordinato se non si esegue una potatura regolare.

La potatura dei pochi Ceanothus sempreverdi che fioriscono principalmente sulla vegetazione della stagione va eseguita in aprile.

La formazione iniziale e il tipo di potatura sono gli stessi.

Potare all’inizio della primavera significa perdere tutti i fiori iniziali, ma assicura alla pianta un portamento eretto e un’abbondante fioritura in estate e in autunno.

Potare Ceanothus e Caprifoglio: Caprifoglio

Per quanto riguarda la potatura dei caprifogli rampicanti si possono distinguere due gruppi, secondo il loro tipo di fioritura.

Primo Gruppo

Il primo gruppo, rappresentato dal lussureggiante caprifoglio del Giappone (Lonicera japonica), produce fiori appaiati nelle ascelle fogliari della vegetazione dell’anno.

La potatura si limita a rallentare la crescita rigogliosa, spuntando ogni stagione in marzo-aprile i rami che non servono; questo stimola una vegetazione fresca e giovane che coprirà rapidamente l’area potata e fiorirà a fine stagione.

Secondo Gruppo

Il secondo gruppo comprende il ben più noto caprifoglio olandese (L. periclymenum «Belgica») e molte specie e ibridi affini, come le L. x americana, L. x brownii, L. sempervirens, L. x tellmanniana e L. tragophylla, che fioriscono sui rami laterali della vegetazione della stagione precedente.

Spazio permettendo, li si può lasciare abbarbicare su vecchi alberi o muri senza potarli assolutamente, in modo che la vegetazione s’arrampichi e ricada in maniera naturale.

Tendono a riempirsi di ramoscelli esili (come alcune clematidi) e, se devono crescere in una posizione in cui una vegetazione intricata e rami spogli starebbero male, è necessario potarli leggermente ogni stagione dopo la fioritura.

Questo implica semplicemente il taglio di parte della vecchia vegetazione debole e di alcuni rami che hanno fiorito fino al punto in cui sta spuntando una nuova vegetazione forte.

I nuovi rami possono essere fissati alla struttura man mano che crescono, ma è meglio lasciarli ricadere in modo da ottenere una cascata informale di fiori.

Schema valido per potare Ceanothus e Caprifoglio.

 

ceanothus-e-caprifoglio-1 1
In Aprile-Maggio fissare verticalmente il getto guida, distribuire e fissare i getti laterali. Recidere i getti disposti male e tagliare i rami patenti a cm 5-7.
potare cheanothus e caprifoglio
In Giugno-Luglio la vegetazione s’è ormai allungata rapidamente. Fissare il getto e i getti laterali. Tagliare i rami patenti a cm 8-10 dai sostegni.
potare cheanothus e caprifoglio
In Giugno è sbocciato qualche fiore sui rami laterali dell’anno precedente. Tagliare i rami patenti a cm 8-10 dai sostegni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

potare cheanothus e caprifoglio
Tra Luglio e Settembre fissare il getto guida e i getti laterali principali man mano che crescono.
potare cheanothus e caprifoglio
In Giugno potare a cm10-15 dai sostegni tutti i rami patenti che hanno fiorito. Fissare i getti d’allungamento man mano che crescono.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[]
×
0